La Natura è archiviabile? Le pratiche di una memoria femminile PDF Stampa Email
Scritto da Administrator   

Manuela Esposito

Abstract

Ripensare la pratica dell’archiviazione implica una riflessione sui «margini» dell’archivio, per reintegrare nella memoria le «alterità» relegate dal «patriarchivio» nell’oblio: le donne e la Natura. Il saggio analizza la relazione tra il «femminile» e l’«elementare» naturale nella creazione letteraria/artistica delle donne, interrogandosi sulla im-possibilità di archiviare la Natura. Seguendo le coordinate di un archivio inteso come «mappa» (Arjun Appadurai) e come «Guida» (María Zambrano), il saggio sostiene che la scrittura e l’arte viaggiano nella materialità dell’«archivio naturale». In particolare, artiste quali Trinh T Minh Ha e di Roni Horn affidano alla materialità degli elementi naturali, le memorie personali e collettive, dialogando con le riflessioni teoriche di Fatema Mernissi, con la scrittura creativa di Ingeborg Bachmann e di M. Jaqui Alexander, e con la performance di Zineb Sedira. I loro im-possibili archivi di «terra» e d’«acqua» rimettono in questione la composizione archiviale in un a-venire sempre più liquido e in transito.

 

Manuela Esposito è dottore di ricerca in studi culturali e postcoloniali del mondo anglofono presso l’Università di Napoli «L’Orientale». Tra le sue pubblicazioni ci sono recensioni sulla scrittura femminile diasporica e l’articolo «Burning Landscapes, Islands on Fire: Marie Elena John’s Unburnable and Jean Rhys’ Wide Sargasso Sea», Rodopi, in corso di stampa.

 

abbonati qui

L'EDITORE

Hjemmeside Wildberry Telefoni Internet